Tag

,

Intacto (Spagna – 2002) di Juan Carlos Fresnadillo                                   Interpreti: Leonardo Sbaraglia, Max von Sydow, Eusebio Poncela, Monica Lopez, Antonia Dechent intacto

Da un pò di anni c’è un cinema underground, poco reclamizzato, fatto di autori e registi di indubbio talento che si muovono al confine tra i “luoghi” tipici delle pellicole di genere. Intacto è uno dei lavori più sorprendenti in questo senso, una pellicola che si fa fatica a collocare in qualsiasi schema narrativo: è un mistery con venature sovrannaturali, una storia di amore e di morte, ma anche un dramma girato con lo stile di un noir. Fulminante opera prima di Juan Carlos Fresnadillo, regista spagnolo dotato di uno stile non indifferente, Intacto è un film ambientato in un tempo e uno spazio imprecisati (un futuro distopico non troppo lontano? o un altro mondo, in cui vigono regole completamente diverse dal nostro?) e che gioca con temi affascinanti e pericolosi come  il caso, la fortuna e la capacità di poterla manipolare. Arricchito dalla presenza, all’interno di un cast di attori poco noti, di un interprete formidabile come Max Von Sydow, il film è forse a tratti un pò lento, ma nonostante ciò riesce a coinvolgere lo spettatore a tal punto da far sembrare naturali le folli leggi che regolano il mondo di Intacto (chi guarda il film accetta senza grandi perplessità il fatto che le persone siano dotate di poteri sovrannaturali, o che giochino tranquillamente con la propria vita solo per sfidare il caso o la fortuna).

Fresnadillo lavorerà in futuro in 28 settimane dopo (sequel di 28 giorni dopo di Danny Boyle), utilizzando uno stile molto più da videoclip rispetto ad Intacto ma realizzando nel complesso un buon horror,  e nella produzione americana Intruders, film di spettri abbastanza convenzionale; ma con Intacto è entrato a far parte di quel “sottosuolo” di giovani autori e registi europei capaci di regalare, a tutti noi appassionati della settima arte, dei piccoli gioielli.