Tag

, , , , ,

La grande bellezza (Italia – 2013) di Paolo Sorrentino                                 Interpreti: Toni Servillo, Carlo Verdone, Sabrina Ferilli, Carlo Buccirosso, Iaia Forti, Pamela Villoresiuna-scena-de-la-grande-bellezza

L’idea che mi sono fatto è che La grande bellezza sia, sostanzialmente, un film imperfetto. Ma un film imperfetto intriso comunque di una poesia e un lirismo difficili da ritrovare altrove. Una pellicola sulla memoria, sul rimpianto (dell’infanzia spensierata nelle acque di Capri, del nobile passato di una contessa decaduta, del paese d’origine e della famiglia che ci si è lasciati alle spalle), che a differenza di molti, non ho trovato affatto lenta: lo stile compassato di Sorrentino infatti riesce ad essere comunque coinvolgente, grazie ad una serie mi movimenti di macchina e di dolly che forse sfiorano il manierismo e l’autocompiacimento, ma che sono comunque la dimostrazione di un talento sconfinato.

Toni Servillo è come sempre grandioso, e come lui tutto il cast che gli ruota intorno, da Carlo Buccirosso ad un insospettabile Carlo Verdone, malinconico e toccante. Impietoso nella descrizione della mondanità e del falso intellettualismo dei salotti della Roma bene, Sorrentino cerca di descrivere il percorso di Jep Gambardella, scrittore che vive di rendita grazie all’unico romanzo pubblicato, e alla ricerca della “grande bellezza” : che sia quella degli splendidi monumenti di Roma (ripresa con toni quasi documentaristici, ma per questo funzionali alla storia), o quella rappresentata da due innamorati che si baciano per ore, o ancora quella sprigionata dalla sovrumana forza di volontà (e di spirito) di una piccola suora.

Ma allo stesso tempo Sorrentino sembra anche porci una domanda: esiste davvero poi questa “grande bellezza”? O è solo un sogno, un ricordo del passato avvolto nel mistero, un mare immaginario sul soffitto di un appartamento di fronte al Colosseo, una giraffa pronta a sparire con un trucco di magia?