Tag

, , , , ,

Mad Max: Fury Road (Australia, USA – 2015) di George Miller                       Interpreti: Tom Hardy, Charlize Theron, Nicholas Hoult, Hugh Keays-Byrne

mad_max_fury_road_wallpaper_1920x1080_by_sachso74-d8r49ti

L’hanno detto già in tanti: a 70 anni, è davvero incredibile che George Miller sia riuscito a girare un film che sprizza energia e modernità da tutti i pori. Se poi ci si aggiunge il fatto che Miller sembra un giovincello anche per la padronanza tecnica del mezzo (e per il modo in cui riesce a “pensare” e girare le sequenze d’azione), non si fatica a capire perché questo quarto capitolo della saga di Mad Max (uscito a più di 30 anni di distanza dall’ultimo episodio) stia riscuotendo un certo successo da parte della critica.

E dire che ero partito molto prevenuto, considerando questo rientro di Miller nel gotha del cinema americano (misteriosi sono i meccanismi che lo hanno isolato dal mondo della celluloide nelgi ultimi anni) più una trovata commerciale volta a riesumare un mito del cinema anni ’80 (Mad Max, appunto) che il ritorno di un vero e proprio autore dietro la macchina da presa. E invece Miller mi ha spiazzato, girando un film tutto costruito sull’azione pura e sulla messa in scena: Fury Road è un film di sola forma, i contenuti contano relativamente. Le splendide sequenze degli inseguimenti in macchina sono pensate e realizzate come dei balletti di morte, come delle coreagrafie spettacolari in cui il sangue e la carne si mescolano al fuoco e alla distruzione totale: l’impatto visivo è devastante, e in questo contribuisce non poco il senso di follia che pervade tutta la pellicola (e gran parte dei personaggi).

La cosa forse meno risucita del film è proprio il personaggio di Mad Max, eroe solitario e combattuto, torturato dal ricordo della famiglia che non è riuscito a salvare (come narrato nel primo dei film di Miller su questo personaggio, Interceptor): Tom Hardy non se la cava certo male, ma il suo personaggio viene posto in secondo piano a causa di una carrellata di personaggi di contorno perfettamente riusciti: su tutti l’Imperatrice Furiosa interpretata da Charlize Teron.

Non ci si lasci fuorviare: non dico che Mad Max:Fury Road sia un capolavoro assoluto o che è un film che resterà nella storia del cinema; ma non ho comunque timore ad ammettere che si tratta di una delle pellicole d’azione migliori che siano state realizzate negli ultimi quindici anni.

Annunci