The wolf of Wall Street

Tag

, ,

The Wolf of Wall Street (USA – 2014) di Martin Scorsese

Interpreti: Leonardo Di Caprio, Jonah Hill, Margot Robbie, Jean Dujardin, Matthew McCounaghey

Wolf-of-Wallstreet-585x370

Partiamo con il presupposto che l’accoppiata Di Caprio-Scorsese è una garanzia: dal sin troppo sottovalutato Gangs of New York, passando per gli splendidi The Departed e Shutter Island, questi due grandi artisti hanno dato vita, nell’ultimo decennio, a momenti di grande cinema. L’unica pecca sul cammino artistico dell’ ninsolita coppia è stato il deludente The Aviator: troppo lungo, ripetitivo, e con tutti i difetti di sceneggiatura che un biopic si porta dietro. The wolf of Wall Street è un film che a mio parere si colloca a metà strada tra i grandi lavori della coppia, già citati prima, e i limiti di The Aviator:  con quest’ultimo condivide le problematiche legate ad una lunghezza eccessiva, e ad una ripetitività di alcuni temi/sequenze (i discorsi del protagonista alla platea di dipendenti che lo ascoltano in estatsi, le orgie, i litigi con la moglie) che, in generale, appesantiscono abbastanza la pellicola. Di contro, il film gode di una prima parte brillantissima (in cui viene descritta l’ascesa di Jordan Belfort, uno dei broker di maggiore successo della storia Wall Street, alla cui auto-biografia il film è ispirato), e di una regia perfetta (ma potrebbe essere altrimeni?) oltre che di un Di Caprio bravissimo ad andare sempre e volutamente sopra le righe.  The wolf of Wall Street è un film che denuncia i deliri di un mondo fondato su di un’illusione, quella dei mercati azionari, e di una società fondata sull’idea che che chi ha di più, chi possiede di più, è il più forte; una società in cui non c’è spazio per l’etica, e in cui tutti sono (siamo?)potenziali polli da spennare. In questo senso l’opera di Scorsese è durissima, un vero e proprio pugno allo stomaco: e il turpiloquio costante, il maschilismo esasperato, e le continue sequenze di sesso e di droga che contraddistinguono il film hanno proprio lo scopo di generare nello spettatore il disgusto (fisico) per un mondo in cui al centro non vi è la persona, ma il dio danaro. Concetto esemplificato splendidamente dal personaggio di Mathhew McCounaghey nei primi 10 minuti di film, in un bellissimo monologo che è anche il manifesto di The wolf of Wall Steet. 

Sam Peckinpah e Walter Hill: una visione del mondo e della violenza

Tag

, , , , , , , , ,

the-getaway

Su Sam Peckinpah e Walter Hill ho già detto molto in alcuni precedenti post.  Si tratta degli autori che, più di tutti nel cinema americano, hanno portato avanti un’idea di cinema (e quindi una loro visione del mondo) basata sulla violenza e sui rapporti di forza tra gli individui, in cui non esistono “buoni” , e i cui il più forte ha sempre la meglio sul debole. Non sono certo “buoni” (anche se non privi di una loro forma personale di “onore”, che li porta nel finale a uno dei sacrifici più spettacolari e violenti nella storia del cinema) i protagonisti del capolavoro assoluto di Peckinpah,  Il Mucchio selvaggio,  pellicola caratterizzata da sequenze d’azione girate con un montaggio “spezzettato” che sembra allungare tremendamente il tempo dell’azione; il film, storia di un gruppo di ladri che si fa assoldare per rubare un carico di armi per un gruppo di rivoluzionari messicani, ha anche un’importante valore storico, in quanto sancì di fatto la fine del western “classico” e la nascita di un genere più violento e barocco. E non è certo un “buono”, il protagonista de Voglio la testa di Garcia, un cantante di pianobar messicano che, per intascare una grossa taglia, deve recuperare la testa di un uomo morto. Il paradossale viaggio del protagonista in compagnia della testa mozzata diventa il dramma di un uomo che, spinto dal desiderio del denaro, perde tutto, compresa la donna che amava. Perché il mondo, per Peckinpah, non lascia speranze a nessuno.

Walter Hill sembra aver ereditato da Peckinpah non solo la disillusione tipica di un mondo privo di eroi e senza speranze, ma anche il ruolo centrale che la violenza ha nel cinema, seppure con qualche differenza nello stile e nella messa in scena (Hill è più essenziale e meno barocco di Peckinpah). L’incontro tra i due autori avviene nel film Getaway, sceneggiato da un giovane Hill e diretto da Peckinpah: storia d’amore mascherata da film d’azione, non credo sia un film eccezionale, ma è comunque un esempio perfetto di come si possa fare grande cinema d’azione anche sfruttando pause lunghissime, preludio a esplosioni di violenza improvvise e devastanti. Hill renderà omaggio al suo maestro in pellicole di cui ho già parlato (I cavalieri dalle lunghe ombre e Ricercati ufficialmente morti) ma anche in due western “atipici” negli anni ’90: Ancora Vivo e Geronimo. Il primo è un noir, rivisitazione gangster di Per un pugno di dollari di Leone, un film intriso di un pessimismo e di una malinconia perfettamente rappresentata dal protagonista (Bruce Willis) e da un’atmosfera crepuscolare e senza speranza: al solito, splendide le sequenze d’azione (che rimandano anche in parte al cinema d’azione di Honk Kong) e la messa in scena. Geronimo invece è un affresco storico, un punto di vista diverso su un pezzo di storia dell’America (la lotta dell’esercito contro l’ultimo grande guerriero Apachi). Un cast eccezionale (Gene Hackamn, Robert Duvall, Wes Studi, un giovanissimo Matt Damon) mette in scena non solo il dramma dei pellerossa scacciati dalle proprie terre, ma anche quello dei militari americani che, rendendosi conto del sopruso che stavano mettendo in atto, cercarono in tutti i modi di salvaguardare il proprio onore e quello del proprio Paese. Geronimo è sostanzialmente un film che non sta  né da una parte nè dell’altra, ma guarda oggettivamente alla Storia e agli uomini, ai  lati positivi e negativi della vicenda che riporta: perché non esiste giusto o sbagliato nel cinema di Sam Peckinpah e Walter Hill.

geronimo

La mafia uccide solo d’estate

Tag

,

La mafia uccide solo d’estate (Italia – 2013) di Pierfrancesco Diliberto                                                                   Interpreti: Pierfrancesco Diliberto, Cristiana Capotondi, Claudio Gioè, Ninni Bruschetta, Alex Bisconti

il-poster-ufficiale-del-film-di-pif-e1399889225397

Il rischio che si corre quando si fa un certo cinema d’inchiesta è di riuscire a raggiungere, col messaggio che si vuol lanciare, solo chi sull’argomento ha già una sua idea, chi è già “di parte”; e la differenza tra il cinema “didattico” e quello “di genere” sta proprio nel fatto che quest’ultimo, essendo fruibile da un pubblico più vasto, può dire qualcosa a tutti.

Ho fatto questa piccola premessa non perché La mafia uccide solo d’estate sia un film di genere, ma perché resta sostanzialmente una commedia: e la commedia può essere un mezzo potentissimo per narrare storie o raccontare fatti con scopi “didattici”, pur mantenendo toni leggeri e adatti a un pubblico più vasto.

Il racconto della vicenda sentimentale di Arturo (Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, qui al suo esordio sia come regista che come interprete) e Flora si intreccia con gli avvenimenti che insanguinarono Palermo tra la fine degli anni’70 e i primi anni’90 (gli anni degli omicidi dei giudici che lottarono contro Cosa Nostra, del maxi-processo, della seconda guerra di mafia). Arturo entra in contatto con diversi protagonisti di quella stagione drammatica (il generale Dalla Chiesa, che il piccolo protagonista intervista pochi giorni prima della sua morte; Rocco Chinnici, che abita nello stesso palazzo di Flora; Boris Giuliano, che gli insegna ad apprezzare i dolci palermitani) e attraverso i suoi occhi innocenti lo spettatore assiste al dramma di una popolazione dilaniata dall’omertà e dalla convivenza con un “sistema” che solo il coraggio (e il sacrificio) di uomini straordinari sono riusciti, in parte, a scardinare.

Attraverso una regia volutamente surreale e ironica, Pif realizza un film che inizialmente potrebbe non sembrare “voler fare la morale”; ma che nel finale, toccante quanto sincero, si rivela per quello che è: un monito ed un insegnamento per le nuove generazioni (e per quelle che verranno). Cosa che rende questo piccolo film, nonostante le sue imperfezioni (su tutte l’interpretazione di Pif, troppo macchiettistica e legata al suo personaggio televisivo) assolutamente da vedere.

I mostri e i fumetti secondo Guillermo Del Toro

Tag

, , , , , , ,

Hellboy_Guillermo_del_ToroChe Guillermo Del Toro, da sempre appassionato di mostri e creature fantastiche, si sarebbe ritrovato prima o poi ad adattare un fumetto per il cinema, era una cosa quasi naturale. L’occasione gli capita nel 2002 quando, nonostante il flop della megaproduzione Mimic (che gli studios americani gli avevano affidato impressionati dalla sua opera prima, Cronos), a Del Toro viene affidata la direzione di Blade II. Il regista messicano non gira certo un capolavoro, ma il secondo capitolo della saga cinematografica sul vampiro interpretato da Wesley Snipes è nettamente migliore del precedente: le scene d’azione sono ottimamente girate, e Del Toro non si risparmia certo in quanto a violenza e momenti splatter. Alcune sequenze sono visivamente molto belle (come quella nei sotterranei) e compensano una sceneggiatura non proprio eccezionale, oltre che degli effetti speciali un po’ mediocri. La parte migliore del film è però sicuramente il finale, privo dell’happy-end classico del comic-movie americano, ma al contrario pessimista e per nulla consolatorio.

Blade II ottiene un buon successo,e così al regista messicano viene affidata, due anni dopo, la trasposizione cinematografica di un altro fumetto, Hellboy: Del Toro ha l’intuizione di snaturare il comic originale, sostituendone i toni noir e malinconici con lo stile barocco che gli appartiene. Forse Hellboy soffre la poca libertà data dalla produzione al regista (il film è pieno zeppo di luoghi comuni e di spacconate americane), ma la scelta coraggiosa di un antidivo come protagonista (il grandissimo Ron Perlman) e i toni un po’ retrò di personaggi e ambientazioni, rendono comunque il film molto interessante.

Molto meglio comunque il secondo capitolo: Hellboy – The golden army (2008) è un film in cui Del Toro gode di una libertà quasi totale, e può così dare sfogo a tutta la sua fantasia. Visivamente parlando, l’opera è bellissima, una delizia per gli occhi; e anche le creature fantastiche che la popolano sono pensate e realizzate in maniera eccezionale, davvero “belle da vedere”, per quanto mostruose esse siano. C’è poi anche qui, come in Blade II, un’atmosfera per nulla consolatoria: la scena in cui la Morte predice che sarà proprio Hellboy a portare la distruzione sulla Terra, e tutte le possibili implicazioni dovute ai “figli del demonio” che Liz porta in grembo, dimostrano come questo non sia il “solito” film sui fumetti. La stessa storia d’amore tra l’uomo-pesce e la principessa, o la morte dei due fratelli nel finale (il cattivo è ancora Luke Goss, lo stesso di Blade II, che anche qui fa una discreta figura, dando vita a un principe decaduto di grande spessore) dimostrano ancora una volta come Del Toro sia un regista che, nonostante racconti sempre di mostri e universi fantastici, non lo faccia mai in maniera convenzionale o scontata.

Peter Bogdanovich: rigore formale, nostalgia e delicatezza.

Tag

, , , , , , , , ,

bogdanovich-doc_optQuello di Peter Bogdanovich è un cinema che ha sempre fatto del formalismo e del rigore la sua pietra angolare; e la sua opera prima, Bersagli (1968), già mostrava questa caratteristica.

Il film racconta due vicende apparentemente slegate (l’addio al grande schermo di una star del cinema dell’orrore e la follia omicida di un ragazzo che comincia a sparare da un tetto su ignari passanti): girato in maniera rigorosissima, con un senso dello spazio quasi geometrico (Bogdanovich sa sempre dove mettere la macchina da presa, e dal punto di vista formale la messa in scena è impeccabile) e con una commistione tra realtà e finzione cinematografica che dona al film un’atmosfera quasi surreale (bellissimi sia l’incipit, in pratica un cortometraggio horror in stile Hammer, che finale, in cui le scene del film proiettato sul grande schermo si alternano a quelle del massacro che intanto sta avvenendo nel drive-in), Bersagli è un film durissimo. Cosa spinge il giovane protagonista a diventare un serial killer spietato? La risposta è abbastanza semplice: la normalità, la vita piatta che ogni giorno si ripete secondo regole precostituite, ma dietro la quale si nasconde un mondo crudele (non è un caso che il giovane protagonista sia un reduce della guerra del Vietnam). Bersagli è però anche il testamento spirituale di Boris Karloff (che qui, di fatto, interpreta sé stesso): lui che aveva sempre spaventato il pubblico con i suoi mostri ed i suoi personaggi inquietanti, nel finale si scontra con il giovane assassino (il “mostro” di oggi) e, dopo averlo sconfitto, pone (al mondo e allo spettatore) la seguente domanda: “Era questo che vi faceva così tanta paura?” . Perché la “paura” generata dal grande schermo non è niente rispetto a quella di un mondo che non propone vie d’uscita. Sembrano senza troppe vie d’uscita anche i due giovani protagonisti de L’ultimo spettacolo (1971), considerato il capolavoro di Bogdanovich (ma che a mio parere non raggiunge le vette di Bersagli). Girato in un bianco e nero pulitissimo e con uno stile ed un’atmosfera retrò che rimandano a un’idea di cinema che non c’è più (quella della nostalgia dell’epoca d’oro del cinema americano è una costante dei film di Bogdanovich), L’ultimo spettacolo è una delle pellicole che meglio descrivono la perdita dell’innocenza di una generazione, quella dei ventenni americani degli anni ’50, che di lì a poco si contrerà col dramma della guerra di Corea.

Anche ne L’ultimo spettacolo il rigore formale di Bogdanovich è evidente: la sua regia è quasi teatrale, e non è un caso che un altro dei suoi film, Rumori fuori scena (1992), sia la storia di una compagnia e dei loro disastrosi tentativi di mettere in scena una commedia degli equivoci. Un film forse con qualche debolezza e ingenuità nella sceneggiatura, ma dal grande ritmo, che mostra proprio come il regista sia abile a muovere la cinepresa negli spazi “geometrici” e in qualche modo limitati del palcoscenico.

Bogdanovich mostra poi il suo lato più dolce nel toccante Dietro la maschera (1985), storia di un ragazzino dal volto devastato da una rarissima malattia, la leontiasi: grazie alla sua intelligenza, alla sua simpatia, e ad una madre coraggiosa quanto anticonformista (una splendida Cher, mentre il bambino è interpretato da un giovanissimo Eric Stolz) riuscirà persino a trovare l’amore; ma il mondo resta un posto crudele, dove i sogni vengono irrimediabilmente spezzati: ed è bellissima la scena in cui Rocky “svuota” la mappa dell’Europa che tanto aveva desiderato visitare, prima di addormentarsi per l’ultima volta.

Moon e Source code: i piccoli gioielli diretti dal figlio di David Bowie

Tag

, , , , , ,

moon_trailer_2A Duncan Jones sarebbe potuto anche bastare essere il figlio di David Bowie. E invece il figlio del Duca Bianco ha deciso di mettersi a fare cinema; e, se i risultati sono quelli dei suoi primi due lavori, Moon (2009) e Source Code (2011), bisogna dire che ha fatto bene.

Quelli di Jones sono film tutto sommato a basso budget (specialmente il primo), e sono uno dei rari esempi di “cinema di genere” dei giorni nostri, che affonda le sue radici nella letteratura sci-fi più popolare e nei grandi classici del cinema di fantascienza (2001:Odissea nello spazio su tutti). Moon è un film che ruota intorno al personaggio di Sam Bell (interpretato da un ottimo Sam Rockwel) unico membro di una stazione spaziale che estrae elio dalla superficie lunare da inviare sulla Terra. Il film non è solo un thriller fantascientifico disturbante ed alienante (Rockwell si ritrova ad avere a che fare con un altro sé stesso, un suo clone saltato fuori dal nulla), ma anche una pellicola sull’alienazione dell’individuo (chi siamo realmente? Qual è il nostro posto nel mondo?) in cui niente è quello che sembra (il “doppio risveglio” del protagonista, che si svelerà per quello che è realmente solo nella seconda parte della pellicola).

Source code è un film più adrenalinico e denso d’azione rispetto a Moon: ma anche questa pellicola ha alla base l’idea dell’individuo solo contro un mondo che non lo comprende e lo sfrutta per i suoi fini. Storia di un militare americano cui viene data la possibilità di rivivere gli ultimi attimi di vita di una delle vittime di un attentato terroristico, allo scopo di scoprire l’identità dell’attentatore, Source code è un film che non lascia un attimo di respiro allo spettatore, col quale Jones sembra sempre dare l’impressione di voler giocare.

Jones è però allo stesso tempo anche un anche un regista dal tocco delicato, e lo dimostra regalando alcuni momenti molto toccanti in entrambi i film: in Moon i dialoghi di Rockwell con la figlia che non ha mai avuto, in Source Code la storia d’amore impossibile, al di là del tempo e dello spazio (e quindi della realtà) tra i personaggi di Jake Gyllenhaal e Michelle Monaghan.

Attendiamo Jones al varco, col suo prossimo film che sarà ispirato a War of Warcraft: speriamo non venga risucchiato dal meccanismo delle major e del cinema ad alto budget, sarebbe davvero un peccato perdere un regista promettente come lui.

Captain America – Il soldato d’inverno

Tag

, , , , , , ,

Captain America – Il soldato d’inverno (USA – 2014) di Anthony e Joe Russo                                                                                                            Interpreti: Chris Evans, Samuel L. Jackson, Robert Redford, Scarlet Johansson

Captain-America-The-Winter-Soldier-HD-Wallpaper1Diciamocelo da subito: fare peggio di Captain America sarebbe stato davvero difficile. Il primo capitolo delle avventure su grande schermo del personaggio di Steve Rogers era stato una cocente delusione, la classica spacconata priva di storia e piena zeppa di retorica a stelle e strisce, il cui unico motivo di interesse era la messa in scena un po’ retrò, dovuta al contesto storico in cui la vicenda era ambientata (la seconda guerra mondiale).

Il soldato di inverno guadagna qualcosa in termini di vicenda e sviluppo della storia, anche se perde la caratteristica di “film bellico”. Non ci si faccia illusioni, non mancano classiche “americanate” come i patriottici discorsi sul bene della nazione e l’importanza della libertà fatti da Chris Evans (che fa tenerezza per come cerchi di apparire un attore consumato) e alcune soluzioni davvero poco credibili (il personaggio di Falcon che salta fuori dal nulla); eppure il film si lascia vedere, scorrendo in maniera più fluida e meno noiosa del capitolo precedente. Il merito di ciò va principalmente al diabolico personaggio di Robert Redford, abilissimo nel tratteggiare il manipolatore cinico e senza scrupoli che “muove i fili” della vicenda (mentre più debole è proprio il villain del Soldato di inverno, poco approfondito e lasciato quasi sullo sfondo, forse a causa dell’ interpretazione gigantesca di Redford).

Altro elemento che rende il film interessante è la riflessione sul potere dei media e sulla rinuncia alla libertà come soluzione per la sicurezza globale: niente che non sia stato già detto, eppure il fatto che in maniera così chiara ed esplicita vengano trattati, in un blockbuster per famiglie, argomenti come la vulnerabilità nei confronti di internet, della rete e della tecnologia; e il fatto che così fortemente venga criticato un certo tipo di concepire la sicurezza globale, basato sul concetto che “prevenire è meglio che curare”, può essere un segnale importante, non tanto per il cinema quanto per la coscienza della società in cui viviamo. Staremo a vedere.

The Amazing Spiderman 2 – Il potere di Electro

Tag

, , , , , ,

The Amazing Spiderman 2 – Il potere di Electro (USA – 2014) di Marc Webb                                                                                                                                                                  Interpreti: Andrew Garfield, Emma Stone, Jamie Foxx, Dane DeHaan, Colm Feore, Felicity Jones

spidey

Poche volte ho desiderato andar via dal cinema alla fine del primo tempo di un film. The Amazing Spiderman 2 – Il potere di Electro è stata una di quelle.

Confesso di aver resistito fino al termine della pellicola per due soli motivi: il costo del biglietto d’ingresso (gli 8 euro e 30 centesimi peggio spesi della mia vita) e la curiosità di scoprire fin dove la demenza degli sceneggiatori era stata capace di spingersi. Perché diciamocelo, il secondo episodio del “nuovo corso” delle avventure del tessiragantele (ah, quanto mi manca Sam Raimi!) è una roba per decerebrati. E lo è per diversi motivi. Perché la regia di Webb è piatta, e la direzione degli attori imbarazzante; perché i personaggi sono tratteggiati come degli idioti incapaci di comportarsi da adulti (Electro è, più che un disadattato, come la pellicola vorrebbe farlo apparire, un povero demente disperato perché nessuno sembra accorgersi di lui o volergli bene; Norman Osborn più che un supercriminale multimiliardario sembra un bambino che scoppia in lacrime ogni volta che qualcosa gli va male); perché la sceneggiatura è poco credibile, oltre che piena di frasi più adatte ad un serial adolescenziale tipo Dawson Creek che a un film di supereroi (“Gwen, noi non siamo su binari diversi: tu sei il mio binario”; “Sto mettendo in questa scatola tutte le cose di Zio Ben: più pesante è la scatola, più leggera mi sento”, e cose di questo genere).

Un film infantile, che riesce addirittura ad essere peggiore del primo capitolo (cosa che, davvero, non mi sarei mai aspettato), in cui si salvano solo la scelta, tutto sommato coraggiosa (anche se figlia del fumetto originale, e non farina del sacco di Webb o degli sceneggiatori) della morte di Gwen, e gli effetti speciali, sempre gradevoli da vedere. E sì, scusate se ho spoilerato (anche se poi chi conosce un minimo la storia del tessiragantele sa che Gwen fa una brutta fine): ma se in questo modo vi ho dato un motivo in più per non andare a vedere The Amazing Spiderman 2, vi ho fatto un gran favore.

Grand Budapest Hotel

Tag

, , , , , ,

Grand Budapest Hotel (USA – 2014) di Wes Anderson                            Interpreti: Ralph Fiennes, Tony Revolori, Saoirse Ronan, Bill Murray, Edward Norton, F. Murray Abraham, Harvey Keitel, Jude Law, Tom Wilikinson, Tilda Swinton

grand budapestQuello che dissi già ai tempi del mio post su I Tenenbaum, e cioè che il cinema di Wes Anderson è davvero difficile da spiegare a parole, è ancora più vero per la sua ultima opera, Grand Budapest Hotel. Forse basterebbero le parole che, all’inizio del film, vengono pronunciate dal personaggio dello scrittore interpretato da Tom Wilkinson (da vecchio) e Jude Law (da giovane): ogni creatore di storie (e quindi anche un regista) non racconta mai nulla che sia totalmente frutto della sua fantasia, ma si ispira sempre a qualcosa di reale, a fatti o personaggi con cui si è scontrato in vita.

Che sia chiaro, questo non vuol dire che Anderson abbia mai vissuto situazioni folli come quelle raccontate nei suoi film, sempre fortemente surreali; eppure il messaggio che questo interessantissimo e ormai affermato cineasta sembra voler trasmettere con il suo cinema barocco, colorato, a tratti quasi fumettistico, ma legato a un’idea  così “innocente” del mezzo cinematografico (è frequente nelle sue opere l’uso di fondali dipinti, di effetti speciali realizzati con mezzi artigianali, e una rinuncia quasi totale alla computer-grafica) è più sincero e realista di quanto sembri.

“Sincero”, ecco, è forse il termine che trovo più appropriato per i film di Anderson: nonostante la storia di Gustave H e Zero Moustafa, rispettivamente concierge e fattorino di un lussuoso e famoso albergo europeo (il Grand Budapest del titolo) sia surreale e fantasiosa; nonostante i personaggi siano tratteggiati in maniera così  eccessiva da divenire caricature di esseri umani; nonostante la messa in scena ricordi più quella di un fumetto o di un cartone animato che quella di un film; nonostante tutto ciò, Grand Budapest Hotel è un film che (ci) parla di cose reali, “vere”: della potenza dell’amore, capace di convincere un vecchio miliardario a lasciare in vita il suo albergo in decadenza solo per ricordare la donna che amò in gioventù; del passare inesorabile del tempo, e di chi inutilmente cerca di “congelarlo”, come il personaggio di Gustave (uno splendido Ralph Fiennes), ancora legato ad un’epoca di luci, feste, e principesse, da tempo sostituite da guerra e  desolazione; e della potenza dell’amicizia, quella tra i due protagonisti, che nel loro essere assurdamente “finti”, grazie alla sincerità dei loro sentimenti sono più reali di quanto si possa pensare.

Articolo apparso anche su http://discutibili.com/2014/04/29/monsieur-verdoux-grand-budapest-hotel/

Il cinema di Walter Hill

Tag

, , , , , , , , ,

the-warriorsI guerrieri della notte (1979) è stato il primo, grande successo di Hill, e resta ad oggi il suo incontrastato capolavoro. E’ un film che, come molte altre opere del regista americano, sembra essere ambientato al di fuori del tempo e dello spazio, in una dimensione onirica in cui i protagonisti sono dei cavalieri erranti (non è un caso che il film sia una rielaborazione in chiave moderna della Anabasi di Senofonte) e i nemici più che delle gang di teppisti sembrano degli zombie o dei banditi di un western. Perché I guerrieri della notte è un film che trascende i generi, un western metropolitano travestito da horror, un’opera capace di alternare la violenza pura alla poesia (la scena nella galleria della metro, con un treno che sfreccia alle spalle della puttana e del delinquente che si baciano, resta uno dei momenti più sporchi e romantici della storia del cinema), e in cui l’impatto visivo è devastante; la fotografia notturna di una metropoli spettrale, le ambientazioni desolate in cui si svolgono i momenti chiave del film (il luna park abbandonato, la spiaggia del duello decisivo): il tutto concorre a rendere questo un film davvero splendido.

L’altro grande capolavoro di Hill è I guerrieri della palude silenziosa (1981) è invece la storia di una squadra di marines che, durante un addestramento, si scontrano con un gruppo di bracconieri cajun che cominciano ad ucciderli uno dopo l’altro. Si tratta di un film senza speranza, un vero e proprio incubo ambientato nella giungla, in cui un gruppo di uomini si scontra con un nemico invisibile e terrificante. Ancora una volta Hill usa uno stile “sporco”, e la violenza sembra sempre pronta ad esplodere quando lo spettatore meno se lo aspetta (la scena della morte del personaggio di Peter Coyote è emblematica in questo senso). Nel finale di questo film bellissimo e claustrofobico (nonostante sia tutto ambientato all’aperto, lo spettatore ha di continuo la sensazione di essere accerchiato, confinato in uno spazio angusto ed opprimente), Hill dimostra anche di saper usare alla grande la tecnica della suspence, senza peraltro lasciare allo spettatore nemmeno l’illusione di un finale consolatorio.

Perché il cinema di Hill è senza speranza: come lo sono i suoi personaggi, destinati a perdere sin dal principio, incapaci di cambiare ciò che sono. Che è poi quello che dice lo splendido poliziotto interpretato da Morgan Freeman in Johnny Il Bello (1989) storia di un gangster sfigurato (Mickey Rourke, grandissimo) che prova a cambiare vita (e faccia), ma che non riuscirà a resistere al richiamo della vendetta, finendo, ovviamente, male. Arricchito da interpreti azzeccatissimi e da un finale quasi irreale (la sparatoria finale è ambientata in un cimitero di pietra abbandonato), in Johnny il bello si nota anche un’evoluzione, un cambio nello stile di ripresa delle scene d’azione: le sequenze delle due rapine sono girate con un montaggio serrato, quasi da videoclip, e con zoom improvvisi che fanno sentire lo spettatore tremendamente dentro all’azione, quasi come se fosse insieme a Mickey Rourke o a Lance Henriksenn a derubare banche.

Nonostante questa evoluzione, nel tempo, dello stile di Hill, è chiara l’influenza che su di lui ha avuto Sam Peckinpah, per il quale Hill lavorò come sceneggiatore all’inizio della carriera: il senso dell’azione e del montaggio, la padronanza del mezzo tecnico, l’ uso del rallenti per donare lirismo e poesia anche alla scena più violenta. E non lo si può non notare in Ricercati: ufficialmente morti (1987), in cui Nick Nolte interpreta un duro ed incorruttibile sceriffo, vecchio amico di un narcotrafficante che si ritrova ad avere a che fare con un manipolo di ex-militari in missione segreta . Il film, sempre fortemente pessimista, è puro Peckinpah: nella costruzione delle scene d’azione, nell’elaborazione del massacro finale, che si rifà chiaramente a Il Mucchio Selvaggio, sia per la messa in scena che per l’ambientazione . Un film forse i cui personaggi sono costruiti in maniera un po’ prevedibile: ma è questo il cinema di Hill, un cinema in cui si muovono uomini e donne dal ferreo codice morale, cui non sono concessi dubbi e/o paure (e Nick Nolte è in questo senso assolutamente splendido). Il vero omaggio che però Hill dedica al suo maestro Sam Peckinpah è I cavalieri dalle lunghe ombre (1980). Questo western, di stampo “classico”, narra la storia della banda di Jesse James (il film è stato girato utilizzando come interpreti delle vere “famiglie” di attori: i Keach, i Carradine, i Quaid e i Guest), in quella che è una appassionata dichiarazione d’amore verso un cinema che non c’è più.

the-long-riders-1980

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 104 follower